Una forma particolarmente usata per la promozione dell’attività d’impresa è quella delle sponsorizzazioni, essa si sostanzia in accordi volti ad incrementare la visibilità dell’impresa durante manifestazioni organizzate da associazioni o società sportive dilettantistiche.

dedurre spese sponsorizzazioni
Una forma particolarmente usata per la promozione dell’attività d’impresa è quella delle sponsorizzazioni, essa si sostanzia in accordi volti ad incrementare la visibilità dell’impresa durante manifestazioni organizzate da associazioni o società sportive dilettantistiche. L’oggetto promozionale è spesso l’utilizzo del nome o del logo aziendale su divise sportive, cartelloni ma anche annunci televisivi e radiofonici combinati all’evento (es. trofeo Birra Moretti).

Principio dell’inerenza

In termini fiscali la questione diventa particolarmente annosa qualora tali costi risultino privi del principio dell’inerenza e nello stesso tempo risultino antieconomici. La diatriba riguarda la rispettiva deducibilità, da una parte essi possono essere equiparati a costi di pubblicità e godere della piena deduzione, dall’altra essere equiparati a costi di rappresentanza con una deducibilità condizionata dai ricavi. Proprio in merito alla seconda ipotesi, il D.M. 19 novembre 2008 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 15 gennaio 2009, n. 11), stabilisce che le spese di rappresentanza sono deducibili in ciascun esercizio:

  • nel limite dell’1,3% dei ricavi o proventi fino a 10 milioni di euro;
  • nel limite dello 0,5% dei ricavi e degli altri proventi dai 10 ai 50 milioni di euro;
  • nel limite dello 0,1% dei ricavi e degli altri proventi che eccedono i 50 milioni di euro.
Leggi anche:  Come costituire una società online con iubenda
Leggi anche: Come compilare il Quadro Unico Sc 2015 dedicato alle startup innovative

Controlli Fisco

E’ frequente che il fisco, in sede di controlli, riqualifichi le spese di sponsorizzazione in spese di rappresentanza, disconoscendo all’impresa i costi interamente dedotti. La contestazione ha solitamente alla base il principio dell’inerenza, ovvero la mancata contestualizzazione dell’evento rispetto all’effettiva attività esercitata dallo sponsor. A titolo d’esempio è strettamente inerente la sponsorizzazione di un’azienda che produce cibo per cani durante una manifestazione canina, è contrariamente di dubbia inerenza la sponsorizzazione di un marchio di abbigliamento uomo-donna durante la manifestazione di cui prima. Talvolta, poi, l’Amministrazione finanziaria contesta la deducibilità delle spese di sponsorizzazione sulla base della presunta antieconomicità delle scelte dell’imprenditore, quale, ad esempio, il costo ritenuto troppo elevato o la sproporzione tra il corrispettivo pagato e il valore del messaggio promozionale fornito dal soggetto sponsorizzato.

Aumentare i ricavi per attività d’impresa

Oltre al principio dell’inerenza e dell’economicità, è necessario che la sponsorizzazione abbia creato le giuste condizioni necessarie a generare maggiori ricavi per l’attività d’impresa ( es. incremento visite negozio-sito internet, preventivi, ecc.) difatti, la Corte di Cassazione con la sentenza n. 6548/2012, ha stabilito che: “…il contribuente è chiamato a provare che  le spese di sponsorizzazione sostenute rispettino il principio di inerenza e che vi sia, dunque, un nesso logico tra l’attività dello sponsor e la promozione che le renda idonee ad incidere potenzialmente sul conseguimento di maggiori ricavi.”

Leggi anche:  Come costituire una società online con iubenda

Come essere sicuri che i costi per sponsorizzazioni siano interamente deducibili

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.
  1. Stipulare un contratto di sponsorizzazione in forma scritta: deve contenere una analitica descrizione dell’oggetto della sponsorizzazione, le modalità con cui questa verrà espletata (es. logo divisa, cartelloni, ecc.), l’obiettivo che lo sponsor intende perseguire (es. aumentare la visibilità), il ritorno commerciale sperato, una data certa, le modalità e i termini di pagamento.
  2. Eseguire pagamenti tracciabili: conservare prova dell’avvenuto pagamento (es. bonifico, assegno, carta di credito, ecc.) unitamente ad ricevuta di pagamento.
  3. Prova della sponsorizzazione: è consigliabile produrre un vero dossier fotografico in cui è raffigurato il contesto in cui è avvenuta la sponsorizzazione, il materiale pubblicitario adottato, ecc…
  4. Condizioni necessarie a generare maggiori ricavi: che la sponsorizzazione debba generare per forza maggiori ricavi è escluso, è però condizione necessaria che la sponsorizzazione abbia creato le giuste condizioni per generare maggiori ricavi. Queste condizioni possono essere dimostrate, per esempio, con un registro di nuovi contatti che si sono creati successivamente alla manifestazione, registro degli accessi al proprio sito web, registro dei preventivi richiesti, registro delle newsletter, ecc.

Gli elementi di cui sopra, se prodotti e custoditi con la massima attenzione, diventano prova a favore del contribuente in caso di controlli ed eventuale contestazione delle spese sostenute per sponsorizzazione.

Lucio Steduto

Lucio Steduto

Dottore Commercialista e Revisore dei Conti, opera nel campo della creazione e dello sviluppo d’impresa, è specializzato in pianificazione fiscale, analisi e fattibilità di un progetto imprenditoriale, ricerca e accreditamento a fondi pubblici per realtà aziendali consolidate e in fase di start-up. Consulente esterno per soggetti pubblici in materia di sviluppo imprenditoriale del territorio e strumenti di finanza a agevolata. Impegnato nello studio e nella ricerca in tema di transfer pricing e fiscalità internazionale, ha pubblicato numerosi articoli sulla tassazione delle Internet Companies.
Lucio Steduto

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista