Il Business Plan: uno strumento ormai indispensabile

A causa del difficile contesto economico in cui le aziende piccole e grandi sono costrette ad operare in questo periodo di crisi, alcuni strumenti di pianificazione e controllo (tra cui il business plan) stanno diventando importanti come forse non è mai successo in passato.

Business Plan

Quando si sente parlare di business plan, si tende a pensare che sia uno strumento da utilizzare esclusivamente nel caso in cui si voglia avviare un nuovo progetto imprenditoriale o che sia uno strumento idoneo solo per grandi realtà imprenditoriali.

Piccole aziende

In realtà il piano di fattibilità è molto utile anche per le piccole aziende e può essere utilizzato in diversi casi, tra cui:

  • l’avvio di una nuova impresa
  • il lancio di un nuovo prodotto o di un nuovo servizio da parte di un’impresa esistente
  • l’accesso a nuove fonti di credito
  • la ricerca di finanziamenti e agevolazioni pubbliche
  • la ricerca di nuovi soci o nuove partnership
  • l’ottenimento di certificazioni di qualità
  • la gestione di situazioni di crisi aziendale
Leggi anche:  Agente di Commercio: Spese e IVA detraibile nello svolgimento dell'attività

Il business plan non è rivolto solo agli interlocutori esterni all’azienda, ma serve anche all’imprenditore per monitorare l’andamento dell’azienda, per cogliere eventuali possibilità di sviluppo e per definire periodicamente le strategie d’impresa.

Qualità e Descrizione

A prescindere dal suo utilizzo, il business plan dovrebbe sempre essere composto da una parte qualitativa (descrittiva), dove vengono illustrati tutti gli aspetti fondamentali legati al progetto imprenditoriale, ed una parte quantitativa (numerica) dove viene analizzata la sostenibilità economico–finanziaria dell’iniziativa.

Standard in Business Plan?

Non esiste un modello standard di business plan, ma la sua forma e la sua struttura variano a seconda del motivo per cui lo si redige e a seconda degli stakeholders di riferimento. Tendenzialmente, il piano di fattibilità deve almeno contenere informazioni in merito a:

  • struttura organizzativa dell’azienda
  • obiettivi dell’azienda
  • strategia da attuare per centrare gli obiettivi prefissati
  • problemi che si possono incontrare nella persecuzione degli obiettivi e possibili soluzioni
  • risorse finanziarie per sostenere l’investimento
Leggi anche:  Agente di Commercio: Spese e IVA detraibile nello svolgimento dell'attività

Il piano di fattibilità non è solo uno strumento di pianificazione, ma anche di comunicazione e controllo. La sua redazione richiede, infatti, all’imprenditore di prevedere un percorso per il conseguimento dei risultati e di effettuare un controllo periodico sull’andamento della gestione aziendale. Inoltre, lo stesso può essere utilizzato per illustrare efficacemente il progetto imprenditoriale.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.
Questa è solo una sintesi delle funzioni e degli utilizzi del business plan, ma da quanto detto è facile capire come tale strumento sia diventato indispensabile per chiunque voglia fare impresa.

Sabino Mastrorilli

Sabino Mastrorilli

Sabino Mastrorilli, 30 anni, Dottore Commercialista e Revisore Legale iscritto all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Trento e Rovereto. Ha lavorato per sei anni in uno studio di consulenza rivolta agli esercizi commerciali del marchio “Conad” e ha svolto la pratica professionale presso uno studio specializzato in consulenza tributaria e societaria. Attualmente collabora con lo studio Moncher.
Sabino Mastrorilli

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista