SRLCR: società semplice a capitale ridotto

SRLCR: società semplice a capitale ridotto

Sono le “sorelle minori” delle SRL semplificate (o SRL a un euro che dir si voglia), e sono nate dopo un parto molto travagliato da parte del governo, dopo continue modifiche, revisioni e “abbandoni”.

Scenario societario in Italia

Inizialmente, infatti, la loro presenza nello scenario societario italiano non era assolutamente prevista, ma sono state successivamente inserite per facilitare il passaggio di età (oltre i 35 anni) dei soci della SRL semplificata: come ormai i più sapranno infatti la SRL a capitale ridotto può essere costituita anche da over 35 (differentemente dalla SRL semplificata che è solo per under 35), ma ha alcune differenze rispetto alla SRL semplificata (o SRLS).

Differenza

La principale differenza è sicuramente data dal costo per il notaio: per le SRLCR è infatti previsto il costo pieno per le competenze notarili, costo che non è previsto per le SRL a 1 euro (e si aggira sui 1.000/1.500 euro in base alla provincia o alla città in cui ci si trova), oltre che il costo per i diritti di segreteria per la Camera di Commercio (circa 150 euro).

Leggi anche:  Agente di Commercio: Spese e IVA detraibile nello svolgimento dell'attività

Ma conviene davvero questo modello societario?

Nella pratica la SRLCR altro non è che una normale SRL, con l’unica differenza che vi è la possibilità di costituirla con un capitale sociale di un solo euro.

E’ veramente un vantaggio?

Il più delle volte no, visto che tali società non sono nella pratica ben viste dalle banche e dai fornitori, che saranno sicuramente restii a dare credito a società così debolmente capitalizzate.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.
Unico vantaggio rispetto alle classiche SRL è dato dalla possibilità di non dover impegnare il capitale minimo (10.000 euro, ovvero il 25% da versare subito all’atto della costituzione), ma ci sembra chiaro che i soggetti che hanno in mente di costituire una SRL debbano in qualche modo investire anche una piccola somma di denaro.

Quindi, in soldoni, il consiglio che possiamo dare per chi volesse approcciarsi alla costituzione di una società di capitali, è di utilizzare la formula della SRL classica piuttosto che la SRLCR, in modo da avere maggiore “credibilità e solidità economica”, e di utilizzare tale modello societario solo per i passaggi dalla SRL semplificata per i soci che superano i 35 anni.

Giovanni De Lorenzi

Giovanni De Lorenzi

Giovanni De Lorenzi è Dottore Commercialista iscritto all'Ordine di Padova e opera nel settore della consulenza fiscale
Giovanni De Lorenzi

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista