L’evoluzione tecnologica ha ormai completamente cambiato (in meglio o in peggio starà ai posteri dirlo) il nostro stile di vita. La sempre maggiore telematizzazione dei processi, grazie allo sviluppo massiccio di internet, ha ormai investito tutti i settori (pubblici e privati), e gli stati stessi stanno ormai modificando le proprie leggi in modo da adattarle a questa nuovi (ma non troppo) sistemi di telecomunicazione.

PEC

La posta elettronica è ormai divenuta un mezzo di comunicazione ordinario e sta, pian piano, sostituendosi alla posta “ordinaria”. Sull’onda di questo cambiamento la posta elettronica certificata (o PEC), vuole essere appunto un mezzo per sostituire o comunque velocizzare l’ormai “obsoleto” sistema postale: come i più sapranno la PEC è una casella di posta elettronica che garantisce l’identità del soggetto che la possiede, ed ha quindi a tutti gli effetti di legge la stessa valenza di un indirizzo di posta “fisico” (anzi probabilmente da ancora più certezze).

Legge di stabilità

La legge di stabilità introdotta dal governo Monti ha voluto dare un’impronta sempre maggiormente tecnologica e telematica anche alle amministrazioni pubbliche ed ai rapporti del cittadino (privato e impresa) con essa: in quest’ottica è stata introdotta una norma che prevede l’indicazione obbligatoria dell’indirizzo PEC per tutte le ditte individuali.

Registro imprese e PEC

Già a fine 2011, in realtà, era stato previsto l’obbligo di comunicare a fini pubblicitari al Registro Imprese l’indirizzo PEC per tutte le imprese in forma societaria (sia di persone che di capitali).

Tale obbligo è stato quindi esteso a tutte le imprese, anche in forma individuale.

In particolare è stato reso un obbligo per le imprese che vengono costituite a partire dal 24 ottobre 2012: come la denominazione, la data di costituzione o la sede legale una caratteristica imprescindibile diventa quindi l’indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata, che sarà quindi reso pubblico presso il Registro delle Imprese.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Allo stesso modo per le migliaia di imprese già costituite è necessario adeguarsi entro il 31 dicembre 2013, comunicando l’indirizzo con la Comunicazione Unica, il tutto senza costi per diritti e/o bolli (anche se sarà comunque necessario, di solito, pagare le competenze per chi effettua tale comunicazione).

Giovanni De Lorenzi

Giovanni De Lorenzi

Giovanni De Lorenzi è Dottore Commercialista iscritto all'Ordine di Padova e opera nel settore della consulenza fiscale
Giovanni De Lorenzi

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista