Prestazioneoccasionale

Sono un lavoratore occasionale, devo aprire partita IVA?

Partiamo da questa domanda che è forse la più comune quando cominci ad affacciarti nel mondo del lavoro e a confrontarti con la fatturazione.

Esistono dei limiti ben precisi in termine di tempi di collaborazione e guadagni che, se rispettati, ti esimono dall’obbligo di aprire partita IVA.

Questo significa che non devi emettere una fattura per il servizio che presti ma solo rilasciare una ricevuta di prestazione occasionale.

Cosa inserire in una ricevuta di prestazione occasionale?

Un modello per certificare una prestazione occasionale include:

  • Un numero per identificare il documento
  • La data in cui la ricevuta viene creata
  • I tuoi dati e quelli del tuo cliente
  • L’importo pagato
  • La ritenuta d’acconto come anticipo sulle imposte da pagare
  • Il totale da pagare risultante dall’imponibile al netto delle detrazioni
  • Una marca da bollo del valore di due euro da applicare nel caso in cui l’importo superi la soglia dei 77,47 euro
Leggi anche:  Come avviare un'attività?

Quali sono gli elementi che definiscono un lavoro occasionale?

Perché la tua collaborazione sia considerata come saltuaria e non come organizzata e continuativa, devono esserci alcune condizioni. Precisamente NON deve essere continuativa, professionale e coordinata.

In parole povere non puoi promuoverti su internet o attraverso altri mezzi pubblicitari poiché questo farebbe venir meno i punti appena esposti.

Inoltre non puoi superare i 30 giorni di collaborazione con lo stesso committente o avere guadagni netti maggiori di 5000 euro.

Cosa succede se a un certo punto uno o più di questi requisiti vengono a mancare? Quali sono i tuoi obblighi e la procedura da seguire?

Leggi anche:  Dipendente e nuova attività: si può fare?

 

Dalla prestazione occasionale alla partita IVA

A questo punto devi fare il grande passo e aprire la partita IVA e registrarti alla Gestione Separata INPS se non hai una cassa di categoria.

Per quanto riguarda i doveri rispetto al limite superato dovrai pagare i contributi solo per l’importo superiore al limite dei 5000 euro.

Inoltre, da questo momento, devi emettere regolari fatture con tutti gli elementi richiesti dal tuo regime fiscale e professione per ogni bene venduto o servizio prestato.

Per iniziare con il piede giusto fin dalla prima operazione puoi chiedere aiuto ad un commercialista che ti guidi nella giungla legislativa e ti consigli nelle decisioni importanti della tua attività.

debitoor

debitoor

Debitoor è un programma di fatturazione e contabilità per PMI e professionisti. Puoi personalizzare il tuo modello di fattura e gestire la tua fatturazione online ovunque tu sia
debitoor

Latest posts by debitoor (see all)

Richiedi Consulenza


Hai domande su Debitoor? Ricevi gratuitamente e senza impegno proposte da professionisti selezionati direttamente nella tua email!

Clicca qui
cerca cerca commercialista cerca commercialista