Commercialista 2.0: innovazione e content marketing

La complessità dei mercati, l’evoluzione tecnologica, l’elevata proattività orientata al problem solving, hanno reso la professione del commercialista completamente diversa da qualche decina di anni fa: un tempo il ruolo del commercialista era quello di rappresentare l’uomo di fiducia del signor imprenditore con declinazioni verso la parte fiscale, tributarista e qualche consiglio in ambito di gestione aziendale. Non dimenticate il successo travolgente di molti progetti web come Debitoor o semplicemente giochi come Clash Royale e Clash of Clans: dovete essere voi ad andare incontro ai clienti e non il contrario, ed i clienti sono online!

Esigenze odierne

Oggi le esigenze del cliente sono radicalmente cambiate a causa della crisi economica e pertanto il commercialista si colloca in un ambiente competitivo molto complesso e difficile da decifrare; dall’altro tuttavia ha grandi opportunità di business da approcciare con professionalità e strategie.

Le aziende si trovano di fronte ad un quadro molto incerto e per di più la morsa si fa sempre più stringente a causa della pressione fiscale, della mancanza degli incentivi ad investire, dell’elevata concorrenza e della stretta delle banche per erogare finanziamenti.

Questa arena competitiva fa emergere un obiettivo chiaro e obbligato: le aziende devono sopravvivere sul mercato, cercando dove possono di innovare con investimenti mirati e senza sprechi.

Evoluzione tecnologica: l’arma a doppio taglio

L’evoluzione tecnologica da un lato può facilitare determinate attività aziendali, tuttavia dall’altro può ridurre la necessità di interventi umani; pensate la contabilità com’è cambiata: oggi sul mercato si trovano diversi software per la contabilità adattabili a tutte le esigenze, flessibili e personalizzabili.

Tools che permettono dopo un training di poter gestire in piena autonomia la contabilità senza bisogno di consulenti esterni.

Scenari che devono far riflettere i commercialisti, che devono rivedere la propria professione e riorganizzarla a 360° sfruttando le opportunità del mercato. L’era del commercialista fiscalista è finito.

Commercialista 2.0: dare un cambio di marcia

Il Commercialista non può limitarsi a rimanere nei settori tradizionali e altamente concorrenziali dove la guerra dei prezzi bassi e dei tempi ridottissimi di erogazione dei servizi la fanno da padrone. Occorre scegliere la direzione del commercialista inteso come professionista globale e a 360° capace di dare valore aggiunto al cliente; ad esempio qui di seguito sono suggerite alcune aree d’intervento da sfruttare e proporre agli imprenditori:

  • partnership commerciali per individuare sinergie con clienti comuni
  • orientamento verso la consulenza direzionale e del controllo di gestione
  • sensibilità alla pianificazione finanziaria
  • supporto strategico e operativo per la redazione di un business plan
  • ristrutturazione del debito

Commercialista 2.0

Il commercialista inoltre deve trasformarsi in commercialista 2.0 ed essere capace di sfruttare le potenzialità offerte dalla rete nell’era dei social network. Si avete capito bene: il commercialista deve fare web marketing per una serie di ragioni:

  1. Rendersi visibile sul web
  2. Aumentare la propria reputazione on line
  3. Essere propositivo e risolutivo lanciando dei sassi nello stagno del web che attirano l’attenzione
  4. Diventare autorevole
  5. Essere originale e creativo

C’era una volta il sito web istituzionale

Il concetto di Commercialista 2.0 non si identifica solo con la semplice presenza sul web attraverso la messa on line di sito istituzionale e vetrina dove ci si presenta e si elencano i servizi proposti. Oggi una simile strategia sul web è anacronistica e serve a poco o nulla. Se vuoi attirare clienti e ricercare nuove opportunità occorre cambiare marcia seguendo una chiara strategia di posizionamento incrementale sul web. Come? Ecco un vademecum per come iniziare.

Attivare un blog

Il primo passo è quello di mettere on line un blog; si può far utilizzare una soluzione fai da te oppure scegliere la via dell’outsourcing avvalendosi di agenzie specializzate (www.babitamedia.it) per avere un prodotto di qualità e con un minimo di peculiarità in termini di usabilità, grafica, velocità di caricamento e sicurezza; sul blog periodicamente occorre  proporre articoli in grado  di dare valore aggiunto agli utenti e parimenti di incuriosire per avere ulteriori informazioni e approfondimenti.

Leggi anche:  Fatturazione: come gestire le fatture

Gli articoli devono essere focalizzati su tematiche riguardanti, ad esempio, commenti a nuove normative, descrivere delle linee guida per implementare determinate procedure, presentare case study pratici, modelli previsionali di finanza o di controllo di gestione.

Essere presenti sui social network

La presenza sui social network è ormai diventata una strategia fondamentalmente obbligata per 3 motivi:

  • rendersi visibile senza essere invadente
  • saper ascoltare il brusio e il chiacchiericcio degli utenti su determinati argomenti
  • interagire, confrontarsi e condividere

Quali sono i social network su cui essere presenti?

È impossibile essere presente su tutti i social media e saper gestire con efficacia  e costanza ogni profilo, anche se esistono piattaforme come Hootsuite, che possono automatizzare certe operazioni quotidiane. Inizialmente è preferibile focalizzarsi su alcuni social network.

3 direzioni

Qui di seguito, si suggeriscono 3 direzioni strategicamente affini al ruolo del commercialista:

  • Linkedin
    Linkedin è il business social network per eccellenza: è un biglietto virtuale, che consente di accrescere la propria rete di contatti ed essere informato su eventi e news. È possibile inserire un curriculum vitae dettagliato, iscriversi a gruppi di discussione, postare notizie, promuovere i propri servizi e ricercare opportunità di business.
  • L’utente può assumere un ruolo attivo: tuttavia è consigliabile la via della partecipazione piuttosto che del silenzio totale. Partecipare ad esempio ad un gruppo di discussione sia ponendo domande che rispondendo e consigliando gli altri utenti è un modo per allargare il network dei propri contatti facendo apprezzare le proprie competenze tecnico specialistiche.
  • Commercialista.com
    È il portale tematico dedicato al mondo dei commercialisti e si colloca come marketplace di riferimento per i professionisti del settore e i potenziali utenti interessati a ricevere un servizio di tipo amministrativo, fiscale, tributario, gestionale. Commercialista.com è un motore di ricerca geografico, che in primo luogo favorisce la ricerca di professionisti. Infatti i Commercialisti possono crearsi un profilo per rendersi visibili sul web. Commercialista.com è un vero e proprio strumento di marketing per i  commercialisti.
  • Google+
    Il social network di Google è partito in sordina ma ora sta crescendo con costanza. Chi scrive ritiene fondamentale essere presenti su Google+ per i seguenti motivi:
  1. Possibilità di sviluppare un’efficace strategia di authorship e diautorevolezza
  2. Google+ è stato creato dal più potente motore di ricerca del web
  3. Nell’algoritmo del suo motore di ricerca, Google tende a favorire i propri contenuti
  4. Una volta attivato il profilo Google sarà possibile accedere ad una serie di servizi gratuiti (Gmail, Calendar, Youtube, Drive, chat)

Naturalmente potremmo poi fare un ulteriore elencazione di altri social network e microblogging; infatti i suddetti  social network, non sono a priori i più rilevanti, ma decisamente sono quelli che meglio, a nostro avviso, si adattano ai commercialisti; l’elenco sarebbe molto più lungo e comprenderebbe: Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram, YouTube, ecc.

Facciamo Content Marketing

L’era di social media e del web ha portato verso nuove frontiere di marketing: stiamo parlando del content marketing. In realtà il marketing dei contenuti non è un’idea nuova: le pubblicità hanno sempre trasmesso un contenuto in forma visiva, di immagini o di messaggio; la differenza è che oggi è possibile trasmettere un contenuto utilizzando diverse forme: articoli, white paper, ebook, podcast, video, visual communication, infografiche, presentazioni on line, webinar, emagazine, tanto per citarne qualcuna.

Leggi anche:  Imposta di bollo 2016: dettagli e novità
Fare content marketing significa creare valore aggiunto per i propri utenti con l’obiettivo di creare un rapporto di fidelizzazione durevole.

Il content marketing è una tecnica soft per attirare gli utenti senza essere invasivi e spudoratamente promozionali. Stiamo parlando di strategia di inbound marketing ovvero di una grande calamita che attira verso di se gli utenti, con esigenze, passioni e interessi similari.

Far contenti Marketing

Fare Content Marketing ha pertanto diversi benefici in termini di:

  • Interazione con gli utenti
  • Reputazione on line del brand
  • Visibilità on line
  • Fidelizzazione

È scontato che i contenuti proposti devono essere di elevata qualità, originali e autentici.

La strategia di content marketing deve rientrare in un processo di pianificazione, attuazione e monitoraggio dei risultati.

Occorre pianificare pubblicazioni periodiche e misurarne i risultati in termini di visite, condivisioni, feedback, eventuali conversioni. Gli articoli devono avere una cadenza periodica costante e possono anche seguire una logica di argomentazioni a puntate per fidelizzare l’utente. Ad esempio un commercialista potrebbe proporre una serie di articoli, che trattano di come ridurre gli sprechi aziendali: i temi da trattare potrebbero essere l’individuazione delle aree aziendali critiche, la scomposizione dei costi, come fare efficienza, l’allocazione ottimale delle risorse, la presentazione di un modello in excel di monitoraggio delle spese, e così via.

Tempo ed energia

Chiaramente fare content marketing richiede uno dispendio di energia e di tempo, ma se si propongono contenuti di qualità i risultati nel medio-lungo periodo si vedono e sono  misurabili attraverso la web data analysis. (altri esempi pratici possono essere trovati al seguente link: http://www.b2corporate.com/content-marketing-in-pratica-alcuni-esempi).

Una tecnica salva tempo potrebbe essere quella del riutilizzo dei contenuti, rivisitandoli sotto una diversa veste. Ad esempio se ho scritto un ebook tematico, potrei poi pensare di diffondere una presentazione di sintesi in cui ripercorro i principali punti, arricchendo con immagini e diagrammi.

L’intervista su altri siti del settore è un’altra soluzione per farsi conoscere e per trattare argomenti attuali e a cui si vuole porre enfasi.

Si può poi scegliere anche la via del guest post ovvero di proporre propri articoli su altri portali di riferimento; per i guest post e le interviste, si può suggerire portali come www.commercialista.com e www.b2corporate.com , che presentano un utente target in linea con il profilo del commercialista.

Webinar

Un altro strumento molto in voga è quello dell’organizzazione di un webinar, una sorta di evento on line in cui parlare ad utenti potenzialmente interessati ad approfondire un determinato argomento. Organizzare un webinar da zero può non dare risultati apprezzati.

Prima è meglio documentarsi attraverso siti specializzati come  www.webinarpro.it.

Ricordatevi poi di amplificare i contenuti, postando sui social network gli articoli oppure facendo utilizzo di piattaforme di content discovery (ad esempio Outbrain) per aiutarvi a raggiungere il target utenti prefissato e per valorizzare i vostri contenuti (http://www.b2corporate.com/content-marketing-come-raggiungere-il-target-utenti)

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Direzioni da prendere ce ne possono essere davvero tante. Chi fa content marketing sa che è anche rilevante intraprendere una logica di sperimentazione e di learning by doing, pianificando gli obiettivi da raggiungere ed analizzando i risultati raggiunti. Ti consigliamo la lettura, inoltre, questo prezioso approfondimento che ti aiuterà nell’elaborazione e nella coordinazione del Marketing e la comunicazione professionale.

Luca Vanzulli

Luca Vanzulli

Luca Vanzulli è division controller con esperienza decennale in aziende operanti nei serivzi. Tra l’altro vanta competenza in ambito di analysis.
Luca Vanzulli

Richiedi Consulenza


Hai domande su Fisco? Ricevi gratuitamente e senza impegno proposte da professionisti selezionati direttamente nella tua email!

Clicca qui
cerca cerca commercialista cerca commercialista