Evasione fiscale: il redditometro non basta

La pronuncia 209/63/2013 della Commissione tributaria regionale della Lombardia attribuisce al redditometro una portata minore rispetto a quanto alcuni osservatori temevano (invero, una minoranza): il nuovo strumento del fisco non può essere considerato quale elemento sufficiente per accertare e contestare redditi non dichiarati.

In altri termini, e così come avviene nei confronti di altri strumenti (come gli studi di settore) il redditometro produce dei risultati che sono equiparati a delle semplici presunzioni. Sul come (e perché) si sia arrivati a tale elaborazione ci ha informato qualche giorno fa il quotidiano Il Sole 24 Ore, che nella sua versione online riepilogava quanto accaduto a una contribuente vistasi rideterminare il reddito in virtù dell’applicazione del nuovo redditometro, e della rilevazione del possesso di un’abitazione principale, di una seconda casa e di un’auto.

La contribuente sosteneva infatti che era il proprio compagno ad aver sostenuto i costi di mantenimento dei beni che sono stati posti a base della rettifica, contestando altresì – in appello contro la decisione della Commissione provinciale – il metodo adottato per rideterminare il maggior reddito che ne è derivato.

Ebbene, i giudici della Commissione regionale hanno affermato che il redditometro costituisce un accertamento di natura statistica, e di conseguenza i suoi risultati non possono che essere trattati allo stesso modo dei parametri e degli studi di settore. In termini ancora più chiari, la pronuncia della Commissione ha dichiarato che a causa della natura “meramente presuntiva del redditometro, gli elementi di accertamento da esso derivanti devono essere corredati da ulteriori dati idonei a sostenere le risultanze, come stabilito in materia di parametri e studi di settore”.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Insomma, il redditometro aiuta il Fisco, ma da solo non basta a contestare maggiori redditi.

Rosario Emmi

Rosario Emmi

Giovane commercialista molto attento al mondo delle start-up e con una propensione al lavoro sul web
Rosario Emmi

Latest posts by Rosario Emmi (see all)

Richiedi Consulenza


Hai domande su Fisco? Ricevi gratuitamente e senza impegno proposte da professionisti selezionati direttamente nella tua email!

Clicca qui
cerca cerca commercialista cerca commercialista