voluntary disclosure

Nel Comunicato stampa Agenzia delle Entrate dell’11 agosto vengono rese pubbliche alcune delle domande più richieste dai professionisti e dalla stampa in merito alla blasonata Voluntary Disclosure: attraverso questo documento vengono date risposte ben precise che vanno a colmare i dubbi e le ambigue interpretazioni che tanto hanno rallentato le adesioni nell’ultimo periodo (di ben l’80%).

#1 Completezza della documentazione e buon esito della procedura

L’agenzia delle Entrate, tramite il comunicato, garantisce che la completa procedura di collaborazione volontaria non sarà compromessa se il contribuente risulterà seriamente impossibliitato a produrre tutta la documentazione per riprodurre la sua situazione fiscale. Ovviamente la relazione dovrà contemplare tali cause e segnalarle anche con cognizione di tempo. La documentazione dovrà, altresi, essere trasmessa entro la notifica da parte dell’ufficio dell’invito a comparire.

Leggi anche:  Canone RAI in bolletta: bocciatura del consiglio di stato

#2 Rapporti tra procedura di collaborazione volontaria e scudo fiscale

Se il contribuente che vuole accedere alla procedura di Voluntary Disclosure e nel contempo si avvalerà dello scudo fiscale, sarà tenuto a indicare nella relazione di accompagnamento, le dichiarazioni riservate, direttamente o indirettamente, correlate alle poste patrimoniali ed ai redditi.

Leggi anche: Voluntary Disclosure: Come richiederla?

#3 Rimpatrio delle somme oggetto di emersione

Dopo la presentazione dell’istanza di collaborazione volontaria, i capitali possono essere fatti rientrare in suolo italiano, le Entrate forniscono chiarimenti sugli elementi che il contribuente deve fornire sul piano probatorio in merito all’avvenuto rimpatrio.

#4 Monitoraggio rafforzato e immobili all’estero

Assieme all’ambito temporale, la circolare, affronta anche alcuni dubbi riguardanti il rilascio dell’autorizzazione all’intermediario finanziario estero a trasmettere alle Autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attività oggetto di procedura (c.d. waiver). Ulteriori chiarimenti, infine, riguardano gli aspetti sanzionatori connessi al caso di emersione di immobili all’estero, nonché alle violazioni in materia di imposta di registro, di imposta sulle donazioni o di imposta di successione.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.
Leggi anche:  ISEE universitario 2016: arrivano le modifiche

#5 Trattamento fiscale applicabile alle rendite del tipo AVS

Quando senza l’intervento di un intermediario finanziario residente, le pensioni sono accreditate su conti elvetici, l’imponibile resta assoggettato al 5%. In questo caso, il contribuente che non abbia canalizzato la riscossione di tali rendite tramite un intermediario, può avvalersi della procedura di collaborazione volontaria.

Redattore

Redattore

La Redazione dell'Editoriale Commercialista.com ti offrirà tutorial, approfondimenti e consigli per ottenere il massimo dalla tua attività!
Dossier e Tutorial ti aiuteranno nell'ottimizzazione degli introiti o come meglio gestire le tue operazioni aziendali.
Redattore

Richiedi Consulenza


Hai domande su Fisco? Ricevi gratuitamente e senza impegno proposte da professionisti selezionati direttamente nella tua email!

Clicca qui
cerca cerca commercialista cerca commercialista