impresa-familiare

L’impresa familiare, in base all’articolo 230-bis del C.C., è quella forma di attività imprenditoriale nella quale prestano il loro lavoro i familiari dell’imprenditore, quali il coniuge, i suoi parenti entro il terzo grado (figli, nipoti e zii) o affini entro il secondo grado (suoceri, cognati, ecc.). Il legislatore, sempre nei limiti dell’art. 230-bis, ammette come unica configurazione di impresa familiare quella costituita in forma di ditta individuale.

I diritti ed i Doveri

I familiari dell’imprenditore possono decidere di prestare il proprio lavoro, alternativamente, sotto forma di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, associazione in partecipazione con apporto di capitali (quello con apporto di solo lavoro abrogato con il “Job Act”), società, ed infine in associazione alla conduzione dell’attività d’impresa. Proprio l’attività menzionata nell’ultimo punto trova una specifica tutela giuridica nella regolamentazione dell’impresa familiare, tale da identificare una serie di diritti e doveri in capo ai partecipanti:

  • Il collaboratore familiare che apporta il proprio lavoro in maniera continuata, ha diritto al mantenimento, secondo le condizioni patrimoniali della famiglia;
  • Il collaboratore familiare ha diritto alla partecipazione agli utili dell’attività, ai beni acquistati con essi, agli incrementi del valore aziendale nonché dell’avviamento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato;
  • Il collaboratore familiare gode del diritto di prelazione nel caso di cessione dell’attività d’impresa a terzi ovvero nella divisione ereditaria;
  • le decisioni inerenti la gestione ordinaria nonché la titolarità dell’impresa rimangono in capo all’imprenditore;
  • le decisioni inerenti l’impiego degli utili, gli incrementi patrimoniali, gli indirizzi produttivi, la gestione straordinaria e la cessazione dell’attività, vengono prese con la maggioranza dei partecipanti.
Leggi anche: Sintesi del Jobs Act

Tutele ai dipendenti

In termini di responsabilità l’impresa familiare, pur operando con la partecipazione di più soggetti al processo produttivo, riceve una specifica tutela in capo ai collaboratori. Questi, dato il non coinvolgimento diretto nel processo decisionale, non ricevono alcuna remunerazione in caso di perdita d’impresa, nello stesso tempo non partecipano alla divisione dei beni aziendali se questi sono aggrediti dai creditori. Solo il titolare risponde nei confronti dei creditori con l’intero patrimoni personale, ed è soggetto a fallimento nel caso di insolvenza.

In termini fiscali l’impresa familiare mantiene le caratteristiche tipiche dell’impresa individuale, i redditi prodotti sono assoggettati a IRPEF come da art. 5 commi 4 e 5 del TUIR. Se nulla stabilito in sede di costituzione, il 51% dei redditi d’impresa viene imputato all’imprenditore, il restante 49% ai suoi familiari partecipanti all’attività. In termini di tassazione diretta, essendo l’IRPEF un’imposta progressiva, la partecipazione all’attività dei familiari dell’imprenditore può risultare in alcuni casi conveniente. Le partecipazioni agli utili d’impresa dei familiari garantiscono una distribuzione della base imponibile su aliquote IRPEF più basse rispetto alla tassazione in capo ad un unico soggetto. A titolo d’esempio. Se il reddito imponibile d’impresa a fine anno si attesta a quota € 29.000, nel caso di impresa familiare la tassazione dovuta è:

  • imprenditore – base imponibile 29.000 x 51%= 14.790 – tassazione dovuta 14.790 x 23% = € 3.041.70
  • coniuge/figlio/nipote/ecc. – base imponibile 29.000 x 49% = 14.210 – tassazione dovuta 14.210 x 23% = € 3.268,30

Tassazione complessiva dell’impresa familiare € 3.041,70 + € 3.268,30 = € 6.310,00

Qualora la stessa impresa operasse solamente in regime individuale il reddito di € 29.000 sarebbe interamente imputato in capo all’imprenditore. Pertanto, la tassazione dovuta risulterebbe pari a:

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.
DA FINO A ALIQUOTA IMPOSTA
€ 0 € 15.000,00 23% € 3.450,00
€ 15.000,00 € 28.000,00 27% € 3.510,00
€ 28.000,00 € 29.000,00 38% € 380,00
Totale IRPEF dovuta € 7.340,00

Dal confronto si evince quindi che l’impresa familiare ha consentito un risparmio netto d’IRPEF pari a € 1.030,00 (7.340,00 – 6.310,00).

Lucio Steduto

Lucio Steduto

Dottore Commercialista e Revisore dei Conti, opera nel campo della creazione e dello sviluppo d’impresa, è specializzato in pianificazione fiscale, analisi e fattibilità di un progetto imprenditoriale, ricerca e accreditamento a fondi pubblici per realtà aziendali consolidate e in fase di start-up. Consulente esterno per soggetti pubblici in materia di sviluppo imprenditoriale del territorio e strumenti di finanza a agevolata. Impegnato nello studio e nella ricerca in tema di transfer pricing e fiscalità internazionale, ha pubblicato numerosi articoli sulla tassazione delle Internet Companies.
Lucio Steduto

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista