Il Jobs Act. Sintesi della riforma del lavoro

Nell’ottica delle semplificazioni e delle tutele sociali crescenti, il legislatore in un unico articolo, composto da 15 commi, ha delineato le linee guida della riforma lavoro, improntata alla delega legislativa, con la L.183/2014, G.U. n.290 del 14 dicembre 2014.

Leggi anche: Quali sono i vantaggi di un’impresa familiare

Sono stati pubblicati i primi due decreti attuativi della legge delega in materia di lavoro sulla G.U. n° 54 del 6 marzo 2015 meglio conosciuta come Jobs Act. Si tratta del decreto legislativo 4 marzo 2015, n° 22, recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, e del decreto legislativo 4 marzo 2015, n° 23, recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti.

Nello specifico la Legge 183/2014

L’art.1 Legge 183/2014 riguarda nello specifico i seguenti commi:

  • COMM 1 e 2: Revisione ammortizzatori sociali e tutele per la disoccupazione involontaria.
  • COMM 3 e 4: Servizi per il lavoro e iniziative di promozione dell’occupazione e dell’inserimento lavorativo.
  • COMM 5 e 6: Semplificazioni amministrative.
  • COMM 7: Riordino delle tipologie contrattuali.
  • COMM 8 e 9: Tutela della maternità e delle cure parentali.
  • COMM 10 – 15: Disposizioni tecniche per l’esercizio della delega.

Rimodulazione degli incentivi

Da datori di lavoro molti punti della riforma attraggono l’attenzione, ma dal punto di vista specificatamente professionale, da dottori commercialisti, l’attenzione è focalizzata sulla rimodulazione degli incentivi per auto impiego e auto imprenditorialità, con riferimento specifico alle ipotesi di acquisizione delle imprese in crisi da parte dei dipendenti.

Nell’ambito delle politiche a sostegno alle iniziative di promozione dell’occupazione molto interessante sembrano le politiche di inserimento o reinserimento lavorativo basate su percorsi di istruzione o formazione professionale.

Il contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutela crescente, che ha già visto il suo esordio, con il decreto legislativo 4 marzo 2015, n° 23, suscita particolare attenzione, in merito alla rimodulazione degli oneri diretti, oneri contributivi, e indiretti, deducibilità ai fini Irap, facendosi che diventi il contratto più conveniente da prendere in considerazione anche alla luce dello snellimento della procedura dell’eventuale cessazione del rapporto di lavoro, dando finalmente più equità alle parti, e permettendo sia ai datori di lavoro che ai dipendenti maggiori serenità lavorative.

Con il lancio de decreto legislativo 4 marzo 2015, n° 22 vengono introdotti nuovi istituti:

  • NASPI (la ex disoccupazione) che scatta se il dipendente ha maturato 13 settimane contributive negli ultimi 4 anni a condizione di aver prestato lavoro negli ultimi 12 mesi almeno per 30 giorni. L’indennità corrisposta dal 01/05/2015 sarà del 75% della retribuzione media degli ultimi 4 anni, massimo di € 1.300 per 24 mesi.
  • ASDI è un assegno di disoccupazione, che in caso di difficoltà di ricollocazione, al termine della NASPI, prolunga per ulteriori 6 mesi l’indennità.
  • DISS – COLL è la disoccupazione per precari con gestione separata Inps.

Inoltre è stata introdotta la limitazione a 36 mesi, nell’ambito del 20% dell’organico aziendale, quale possibilità ai contratti a termine unitamente allo snellimento del contratto di apprendistato e di inserimento.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Questione da evidenziare, a parere della scrivente, se pur sperimentale, legata al lavoro, contenuta nella legge di stabilità 2015, è la possibilità di percezione mensile nella busta paga della quota di TFR in corso di maturazione, che diventa parte integrativa della retribuzione, essendo così attratta nella soggettività di tassazione ordinaria e non separata.

Mariangela Palazzo

Mariangela Palazzo

Salvataggio dalla crisi d'impresa attraverso il controllo di gestione e l'individuazione delle possibilità di riposizionamento sul mercato, attraverso l'inserimento in nuove nicchie di mercato, e l'analisi societaria. Con analisi di supporto finanziario.
Mariangela Palazzo

Richiedi Consulenza


Hai domande su Normativa? Ricevi gratuitamente e senza impegno proposte da professionisti selezionati direttamente nella tua email!

Clicca qui
cerca cerca commercialista cerca commercialista