statuto-dei-lavoratori-autonomi-2016

Con la Legga di Stabilità 2016 è stata data una migliore forma al cosidetto “Statuto dei Lavoratori Autonomi“: attraverso questo importante capitolo, si va a modificare prepotentemente il Regime dei Minimi, l’ampliamento della maternità/congedi parentali e detrazione delle spese per la formazione, fino al tetto massimo di 10 mila euro. Insomma, importanti notizie che riguardano Professionisti e Partita IVA.

Leggi anche: Partita IVA: Libero professionista o Ditta Individuale?

Regime dei Minimi 2016

Resta invariato il meccanismo del Regime dei Minimi 2015,  per il quale accedono a tale metodo solo chi non supera determinati valori. Viene applicata l’aliquota forfettaria fino a quando si mantengono i requisiti di reddito.

Leggi anche: Guadagnare con le Affiliazioni senza la partita Iva è possibile?

Il nuovo Regime dei Minimi prevederà la sostituzione del sistema ad aliquota a 5% con quello a 15%, oltre a questo vengono cambiati tutti i massimali per le svariate categorie di Partita IVA. Il calcolo dell’imponibile, inoltre, viene applicato in modo differente, motivo per il quale vengono gestiti diversamente ai ricavi coefficienti in base ad ogni categoria di lavoro.

Leggi anche:  #Beaweddingplanner, la guida completa per i Wedding Planner

Tetti reddito Regime dei Minimi 2016

I tetti di reddito per il quale si può accedere, vengono cambiati con importanti novità:

  • Imprese ed Artigianato: 30 mila euro di ricavi, coefficiente al 67%;
  • Professionisti: 30 mila euro di ricavi con coefficiente 78%;
  • Commercianti: 50 mila euro di ricavi con coefficiente al 40%;
  • Settore alberghiero: 50 mila euro di ricavi con coefficiente 40%;
  • Ambulante alimentari e bevande: 40 mila euro di ricavi con coefficiente al 54%;
  • Ambulanti altri prodotti: 30 mila euro di ricavi con coefficiente 54%

Aliquote Regime dei Minimi 2016

Le nuove partite IVA potranno godere di aliquota al 5% per i primi 3 anni di attività. Altre nuove sono correlate alla categoria dipendenti e pensionati e Startup.

  • Potranno accedere al Regime dei Minimi tutti i dipendenti e pensionati che abbiano un’attività in proprio se lo stipendio/assegno provvidenziale non supera i 30 mila euro annui.
  • Le Start-up possono usufruire di un aliquota al 5% (anziche la vecchia al 10%).
Leggi anche:  Come avviare un'attività?

Controversie

Leggi anche: Come e Quando aprire un numero di partita IVA per la vendita di beni materiali online

Con la Legge di Stabilità 2016, vengono cambiate le basi che dettano le Controversie. Sulle cause che riguardano i lavoratori autonomi viene applicato il rito del lavoro, in base a quest’ultimo il rito speciale viene gestito e usufruito solo con rapporti di lavoro subordinato o d’agenzia.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Piccole Imprese e Partita IVA

Su questa categoria è stata varata una modifica attraverso il quale viene presentata una agevolazione fiscale per le società di persone con franchiglia di deduzione IRAP innalzato a 13 mila euro (precedentemente era a 10.500). Per i professionisti è attiva invece una agevolazione fiscale sulle spese di formazione interamente deducibili dal reddito fino a 10 mila euro all’anno (precedentemente veniva applicato il 50% delle spese).

Redattore

Redattore

La Redazione dell'Editoriale Commercialista.com ti offrirà tutorial, approfondimenti e consigli per ottenere il massimo dalla tua attività!
Dossier e Tutorial ti aiuteranno nell'ottimizzazione degli introiti o come meglio gestire le tue operazioni aziendali.
Redattore

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista