vendere online

Abbiamo spesso parlato di Partita IVA e Regime dei minimi, riguardo a Imprese o Professionisti, ma sempre legate all’attività vera e propria (e quindi con sede propriamente fisica), ma cosa succede quando siamo commercianti online? A cosa andiamo incontro quando i nostri prodotti trovano mercato sul web e quindi il vendere online?

Leggi anche: Costi Partita IVA e Regime dei Minimi

La vendita di prodotti online nasce in un mercato relativamente nuovo e fresco cresciuto sulla base della diffusione di internet, che come ben sappiamo, ad oggi, è onnipresente se non indispensabile per numerose attività (dall’e-banking, acquisto di spesa, pagamento bollettini, acquisti viaggi, social network, scambio di beni, ottenimento di informazioni).

Vendere Online

Vendere online beni o servizi, è diventato ormai un lavoro per molti internauti, i quali spesso e volentieri scelgono la propria dimora come sede lavorativa, avvalendosi, nel caso di vendita a distanza e di beni, dei servizi di Posta o di ricezione a domicilio dei pacchi (esempi lampanti? eBay ed i suoi store shop). Una comodità senza eguali, se riusciamo a sfruttarla. Ma quali sono i doveri per il commerciante elettronico?

Partita IVA e commercio elettronico

Quando decidiamo di avviare Partita IVA (si tratta pur sempre di attività commerciale) e quindi iniziamo con la gestione della vendita sul Web e iniziamo a vedere i primi introiti e spese per la gestione dell’attività. iniziano a sorgere i primi dubbi su tasse e quant’altro.

vendere online

L’avvio di Partita IVA permette di dedurre una serie di costi che il commerciante è tenuto a sostenere per l’attività (previa intestazione alla medesima partita IVA e dimostrazione attraverso fatture o ricevute):

  • Spese Internet;
  • Spese telefoniche,
  • Spese di spedizione;
  • Spese legate alla pubblicità;
  • Spese promozionali;
  • Acquisto/Nolleggio auto o mezzi extra;
  • Spese relative all’acquisto della merce venduta;
  • Spese di Rappresentanza (realizzazione sito web, ad esempio);
  • Spese strumentali (acquisto di pc).
Leggi anche: Regime dei Minimi: come aprire Partita IVA?

Tutti questi costi sono legati da un dettaglio, ovvero, sono spese che il commerciante sostiene per raggiungere i suoi clienti, sia per la vendita dei suoi prodotti sia per fornire informazioni circa ognuno di essi. Non solo, sono riviste come legittime tutte le spese ricollegabili alla propria attività. Un esempio dell’ultimo caso potrebbe essere l’acquisto di un PC che resta come strumento indispensabile per la gestione del vendere online e per fini lavorativi.

Vogliamo consigliarti la lettura e l'approfondimento di Marketing e Comunicazione per gli studi professionali, in quanto ti permetterà di completare l'argomento di questo articolo. E' disponibile anche con un forte sconto.

Casi particolari

Sussiste un caso particolare, per il quale, se la sede lavorativa coincidesse con la propria abitazione, le spese da dedurre verrebbero considerate da dedurre del 50%, in quanto il bene potrebbe essere utilizzato anche per altri scopi non legati al lavoro (uso familiare?). Per quanto riguarda la questione acquisto di mezzi come automobili, avviene una deduzione pari all’80%. Puoi comunque ottenere informazioni in merito, contattando gratuitamente i commercialisti del settore nella sezione Partita Iva del nostro portale.

Redattore

Redattore

La Redazione dell'Editoriale Commercialista.com ti offrirà tutorial, approfondimenti e consigli per ottenere il massimo dalla tua attività!
Dossier e Tutorial ti aiuteranno nell'ottimizzazione degli introiti o come meglio gestire le tue operazioni aziendali.
Redattore

Sei un professionista?


Ottieni nuovi clienti sfruttando le grandi potenzialità del Web!

Registrati gratis
cerca cerca commercialista cerca commercialista