Fai la tua richiesta e ricevi subito proposte dai nostri professionisti
Consulenza Aziendale

Cliccando su "Invia Richiesta" accetti le norme sulla privacy.

Consulenza Aziendale

Per l'avviamento e la gestione della tua azienda puoi avvalerti del supporto di un consulente aziendale che potrà affiancarti in ogni decisione strategica: compila ora la tua richiesta.

Carla Aguzzi

Buon giorno, per costituire una Start Up occorre innanzi tutto costuire una Società di Capitali che nella maggior parte dei casi sono Srl o Srls. Per Start Up deve avere necessariamente un fine di livello tecnologico\scientifico. ci sono delle...

Carla Aguzzi Avviare Attività a Massa Lombarda
Alessandro Guidotti

Buongiorno Sig.ra <omissis> e grazie per la richiesta. Il costo per la verifica richiesta è di euro<omissis>omnicomprensivo per tutte le annualità. Se lo desidera può contattarmi allo <omissis>oppure al<omissis>. A presto, Alessandro Guidotti.

Alessandro Guidotti Consulente del lavoro a Aprilia
Antonio Izzo

Salve, si tratta di <omissis>anni da controllare, e servirà sia una revisione contabile che fiscale. Il costo per ogni anno è di €. <omissis>+ IVA per un totale di €. <omissis>+ IVA. Se avesse bisogno di chiarimenti non esiti a contattarci.

Antonio Izzo Revisore Legale a San Giorgio a Cremano
Roberto Zanchi

Per una Srl semplificata i costi di apertura sono ridotti al minimo. La parte relativa alla contabilità annua invece è più pesante, perchè la Srl è obbligata alla tenuta della contabiltà ordinaria. La nostra offerta per Il costo annuo è di...

Roberto Zanchi Avviare Attività a Bergamo

Richiedi un preventivo

È semplice: compila il modulo qui a fianco, avendo cura di descrivere dettagliatamente la tua richiesta.

Ricevi proposte

Un pool di professionisti selezionati riceverà la tua richiesta e ti fornirà la sua migliore proposta.

Valuta e scegli

Quando avrai ricevuto le proposte potrai scegliere il professionista da ingaggiare in base alle tue esigenze.


Consulenza direzionale, finanziaria,
organizzativa, formativa e gestionale

La figura del consulente aziendale è ben lontana dall’essere assoggettabile a schemi prefissati. Assai diverse sono le competenze di un consulente aziendale di una piccola impresa e quelle di una multinazionale. Lo stesso dicasi per i diversi settori specifici di intervento.
Consulenza Aziendale

Consulenza Aziendale

La Consulenza Aziendale è l’insieme di consulenze specifiche che gravitano attorno ai settori di interesse delle imprese. Partendo da un’analisi finanziaria dell’azienda il consulente aziendale vaglia e passa al setaccio ogni aspetto della stessa: risorse umane, processi, strutture, per poi individuare le aree più critiche e quelle da potenziare. Con le sue conoscenze ed i suoi suggerimenti, il consulente aziendale è in grado di indirizzare l’imprenditore verso la strada di sicuro successo, senza mai tralasciare le sue preferenze, il suo ambito sociale e le sue consuetudini, anzi personalizzando il business plan in base ad essi. Il consulente aziendale in definitiva,  circoscrive un adeguato piano di intervento al settore da modificare e segue poi l’attuazione pratica del progetto. In tale ottica nulla è lasciato al caso, ma ogni decisione è orientata verso una prospettiva di crescita dell’azienda, nell’ambito del gruppo di lavoro, nelle metodologie applicate, nell’area del processo ed in quella del marketing. Fanno parte della consulenza aziendale le più specifiche consulenze direzionale, formativa e gestionale, finanziaria, organizzativa, commerciale, ecc.

Inquadramento Giuridico

Inquadramento giuridico e certificazioni

Per quanto riguarda l’inquadramento giuridico della figura, visto che ancora manca un quadro normativo di riferimento, si distingue il caso in cui il servizio sia fornito da un libero professionista, in cui si fa riferimento all’art. 2229 del codice civile ed alla prestazione d’opera intellettuale. Se invece è una società di consulenza ad erogare i servizi, con professionisti e competenze multisettoriali, si applicano le norme relative ai negozi giuridici del settore terziario.

Da quest’anno sono entrate in vigore le nuove norme UNI EN 16114 intitolate "Consulenza di direzione - consulenza di management" che ridefiniscono la materia in modo organico e tratteggiano il volto del nuovo consulente di direzione. Esiste l’albo dei consulenti di direzione, che si basa sui criteri e le norme UNI, tenuti dalle associazioni di categoria, che forniscono servizi di attribuzione e certificazione delle qualifiche e delle competenze, mediante appositi organismi di certificazione o enti di accreditamento. Da precisare, tuttavia, che il titolo abilitante non è ancora una condizione necessaria  per svolgere la professione.

La certificazione CMC (Certified Management Consultant) è gestita dalle associazioni affiliate all’ICMCI (International Council of Management Consulting Institutes).Queste associazioni poi sono state riconosciute dalla legge 14 gennaio 2013, n. 4 che ha affidato loro un ruolo ben definito.

Costi Consulente Aziendale

Costi del consulente aziendale

I costi legati alla necessità di dotarsi di un consulente aziendale dipendono da una serie di variabili. Se si decide infatti di affidare ad un consulente aziendale solo un progetto temporalmente limitato, il costo che si andrà ad affrontare una tantum non inciderà notevolmente sui bilanci d’azienda, soprattutto ove  si consideri che la prestazione del singolo professionista aumenterà esponenzialmente il fatturato dell’azienda. Diverso è il discorso se si decide di renderle il consult management parte integrante della propria organizzazione aziendale. In questo caso i costi sono periodici, ma in proporzione e nel lungo periodo, è chiaro che incidono di meno sul bilancio. Tuttavia c’è da considerare, oltre alla singola tariffa professionale,  il ritorno economico per l’imprenditore generato dal consulente. Quest’ultimo dovrà essere produttivo di ulteriore reddito anche per il professionista, nella misura del 10%.

Nel caso di un contratto di lavoro continuativo col professionista, invece, nelle varie e possibili forme e tipologie, sarà solo una quota fissa a dover essere corrisposta al professionista, periodicamente, sia in caso di esito positivo delle sue performances, che negativo. In più in questa seconda ipotesi, ci sono concrete possibilità di detrarre i costi del contratto di collaborazione dalla dichiarazione dei redditi.

Quanto alla tariffa propriamente intesa, non esistendo più nel nostro ordinamento minimi e massimi per effetto della loro recentissima abolizione, l’importo dovuto dipenderà dalla specializzazione del professionista in un determinato settore e dalla sua esperienza.

Hai bisogno di una consulenza aziendale?

Richiedi un preventivo ora. Ricevi proposte da professionisti selezionati, gratuitamente e senza impegno. Preventivo

Come si articola la Consulenza Aziendale

Consulenza Finanziaria

La consulenza finanziaria è l’ala più specifica della consulenza aziendale e riguarda tutti quei criteri economici di cui bisogna tener conto, nelle scelte degli investimenti e dei finanziamenti. Spesso l’imprenditore, non ha la necessaria competenza squisitamente tecnica per decidere che provvedimenti finanziari adottare. Ecco perché ha bisogno dell’aiuto di un consulente finanziario che gli consenta di fare le scelte finanziarie più convenienti.

Il consulente finanziario pianifica determinati obiettivi finanziari e predispone le risorse necessarie per raggiungerli. Valuta così le migliori scelte di investimento e di finanziamento, ma, nello stesso tempo ne calcola l’effetto sull'equilibrio complessivo dell’azienda. Suo compito precipuo è quello di garantire a lungo termine il benessere economico, ma anche l'equilibrio finanziario nel presente dell’azienda, indicando le migliori soluzioni di investimento e finanziamento. Il consulente finanziario soddisfa una delle primarie esigenze delle aziende moderne, non solo programmando il suo sviluppo, ma pianificandone dettagliatamente le tappe, analizzando tutti i possibili  futuri esiti della gestione, studiando i modi per evitare rischi ed errori, ed in ogni caso tentando di programmare anzitempo le più adatte contromisure nelle eventualità negative.

Dal punto di vista commerciale i progetti tesi a rendere più competitivo il marketing possono essere decisivi per il successo di un’impresa. Questa è l'area che riguarda la definizione degli obiettivi e delle politiche di Marketing, la pianificazione dell’offerta dei prodotti e del relativo packaging, la fissazione dei canali di distribuzione, la pubblicità, la gestione del controllo, le previsioni di vendita e la elaborazione del budget. E solo un esperto conoscitore del mercato e delle sue leggi può cercare di prevedere le possibili contromosse degli avversari e concorrenti e fornire un’adeguata risposta.

Consulenza Direzionale

La consulenza di direzione aziendale  è una invece consulenza specifica offerta dal consulente direzionale o di management, qualificato da uno schema internazionale : il CMC (Certified Management Consultant). Lavora a fianco dell’Amministratore Delegato o del proprietario dell’azienda e di pari passo alle figure di vertice, pianifica il sistema organizzativo ed i modi per renderlo sempre migliore. La sua funzione, anzi è proprio quella di guidare il management aziendale verso la prevenzione di eventuali problemi operativi. Rientrano nelle sue competenze la proposizione di obiettivi a lungo termine e lo studio dei programmi di azione per raggiungerli; la suddivisione del lavoro in varie unità organizzative, la schematizzazione dei sistemi operativi, il controllo, la verifica e il bilancio delle attività e la predisposizione di adeguate azioni correttive.

Si tratta, insomma, di una consulenza che abbraccia una serie di servizi di supporto che si rivolgono a diverse fasi della vita aziendale, dall'analisi delle sue necessità organizzative, formative, gestionali, ecc., al reperimento delle risorse finanziarie necessarie per soddisfarle, alla ottimizzazione della documentazione e del materiale tecnico ed economico.

Consulenza Formativa

Uno dei settori di intervento più mirati è quello relativo al settore del personale. A livello pratico, il consulente aziendale è colui che sa impiegare le più innovative tecniche di training on the job e gli altri interventi formativistrong>, che sa segnalare gli specifici finanziamenti pubblici destinati alla formazione e all’aggiornamento del personale, che sa agevolare l’adeguamento dei lavoratori all’evoluzione della tecnologia industriale e di produzione.

Altri

Altri settori di intervento specifici che rientrano nella consulenza di direzione vanno dall’organizzazione, gestione e controllo dei vari rami dell’azienda (qualità, sicurezza, ambiente e risorse umane) alla pianificazione strategica, previa valutazione dei rischi, degli interventi da effettuare e ancora ICT, advertising, marketing.

Tipologie di compiti/consulenze (tabella comparativa)

L’attività di un consulente aziendale può essere diretta al solo riposizionamento strategico di un prodotto sul mercato o può investire il rinnovamento dell’intera compagine aziendale. Un consulente aziendale, inoltre può essere chiamato a dare una valutazione di aziende assai diverse tra di loro. Un’azienda metalmeccanica, un calzaturificio, un’azienda operante nel campo dell’editoria sono tutte realtà commerciali differenti, con principi chiave e regole economiche diverse. Di conseguenza, le competenze e le singole incombenze del consulente aziendale devono sapersi adattare alle varie e differenti logiche d’impresa.

In Italia, data l’enorme richiesta nelle micro e piccole imprese, i consulenti direzionali sono prevalentemente specializzati nella gestione della qualità, dell’ambiente e della sicurezza, potendo offrire la certificazione aziendale ISO 9001, nonché  ISO 14001 - ECOLABEL - EMAS - OSHAS 18000-SA 8000.  Nelle più grandi aziende, invece, sono richiesti professionisti specializzati nella pianificazione strategica, nell’organizzazione dinamica, nei progetti ICT, nella ristrutturazione e trasformazione aziendale e finanziaria, nel controllo di gestione e delle risorse umane, ecc.

Per gestire l’organizzazione di piccole aziende, normalmente è sufficiente anche un solo professionista, ma, in presenza di grandi e grandissime aziende, con sedi in tutta una nazione o in tutto il continente, è necessario un nutrito team multidisciplinare e gerarchicamente ordinato.

Consulenza direzionale Consulenza finanziaria Consulenza commerciale
Compiti Analisi situazione aziendale e progetti di intervento Studio dei migliori investimenti e finanziamenti Potenziamento dell’offerta del prodotto
Risultati Adeguamento dell’azienda ai canoni di mercato Piano finanziario personalizzato Maggiore competitività di marketing

Preventivi richiesti da altri utenti

Alessandro Scalia

Cerco una persona seria ed onesta che mi aiuti a superare con i giusti strumenti tutte le problematiche di cui la mia azienda soffre.

emanuele giuliano

Buongiorno chiedo contatto per informazioni per la Mia ditta <em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em>ele <em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em> urgente

Federica Pallavicini

Sto aprendo una attività sul web. Al momento non ho ancora aperto la partita Iva, sono costretta a farlo anche se attualmente gli introiti annuali previsti non supereranno gli € 5.000 ?

senanayaka nalin

voglio cominciare impresa di pulizie.voglio consigli da voi e dettagli come posso aprire impresa di pulizie.
grazie.

Stefania Doddis

Richiesta piccola contabilità aziendale (SNC) e consulenza per Posta Privata sita a Sesto San Giovanni

Emilia Di Pietro

Salve a tutti!
Mi chiamo <em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em> e sto aprendo un'attività nel comune di Castagneto Carducci, ho bisogno di alcuni chiarimenti e di un commercialista che segua tale attività; sto cercando di reperire dei finanziamenti europei e in merito a questo avrei altri quesiti.
grazie
<em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em>

sandra orsini

Salve sono socia senza compenso di una srl di trasporti insieme a mio marito unico amministratore e presidente essendo avviata da circa tre mesi non riusciamo a renderci conto di quale sia la soluzione fiscalmente meno gravosa per poter prelevare denaro dato che viviamo di quello o perlomeno dovremmo .In una srl con un fatturato di 80/90 mila euro quale pensate sia la soluzione migliore??

coli aleksander

ditta individuale chiedo il costo al annue per contabilita' semplificata

Mirella Bozzoli

Cerchiamo studio dottore commercialista per contabilita', denunce redditi, bilanci e quant'altro per la ns: Societa' Immobiliare

cordiali saluti.

Gennaro Gisonna

Collaborazione Trust per le aziende