Fai la tua richiesta e ricevi subito proposte dai nostri professionisti
Contabilità

Cliccando su "Invia Richiesta" accetti le norme sulla privacy.

Contabilità e Bilancio

Se hai costituito una società di capitali, una ditta individuale, o semplicente una partita iva, e ti occorre il supporto di un professionista per la gestione della contabilità ordinaria o semplificata, compila ora la tua richiesta.

Alessandro Guidotti

Buongiorno Sig.ra <omissis> e grazie per la richiesta. Il costo per la verifica richiesta è di euro<omissis>omnicomprensivo per tutte le annualità. Se lo desidera può contattarmi allo <omissis>oppure al<omissis>. A presto, Alessandro Guidotti.

Alessandro Guidotti Consulente del lavoro a Aprilia
Pietro Carioti

Buongiorno. Ecco alcuni dati indicativi. Per la gestione delle buste paga dei dipendenti , e di tutti i relativi adempimenti le propongo un costo annuo a dipendente di euro <omissis> Per l'elaborazione dei 730 l'importo è di...

Pietro Carioti Paghe e contributi a Milano
Giorgio Cascone

Salve, la presente vale come preventivo da sottoporre all'assemblea. Quindi mi propongo per l'attività di amministratore del Vs. condominio, incluse le specifiche richieste di presenza almeno bimestrale, al costo annuo di euro <omissis>.

Giorgio Cascone Amministratore di condominio a Montecorvino Rovella
Antonio Izzo

Salve, si tratta di <omissis>anni da controllare, e servirà sia una revisione contabile che fiscale. Il costo per ogni anno è di €. <omissis>+ IVA per un totale di €. <omissis>+ IVA. Se avesse bisogno di chiarimenti non esiti a contattarci.

Antonio Izzo Revisore Legale a San Giorgio a Cremano

Richiedi un preventivo

È semplice: compila il modulo qui a fianco, avendo cura di descrivere dettagliatamente la tua richiesta.

Ricevi proposte

Un pool di professionisti selezionati riceverà la tua richiesta e ti fornirà la sua migliore proposta.

Valuta e scegli

Quando avrai ricevuto le proposte potrai scegliere il professionista da ingaggiare in base alle tue esigenze.


Contabilità ordinaria e semplificata.
Redazione e deposito del Bilancio

Le imprese strutturate in forma di società di capitali hanno l'obbligo di tenere una contabilità c.d. ordinaria. Quelle che scelgono invece la forma di società di persone e le imprese individuali che non abbiano un volume d'affari elevato, rientrano nel regime di contabilità semplificata, più flessibile e vantaggioso. Anche in merito alla redazione e al deposito del bilancio, esistono formati e indicazioni diverse per ogni tipo di impresa. In linea di massima le società di persone e le imprese individuali godono, anche in questo campo, di maggiori semplificazioni, mentre le società di capitali sono circondate da obblighi e formalismi.
Contabilità semplificata e ordinaria

Differenza tra Contabilità ordinaria e semplificata

La contabilità semplificata è disciplinata dall'art.18 del DPR n.600\1973 e comporta delle semplificazioni sulla tenuta della contabilità per le sole imprese minori. Tuttavia per godere delle agevolazioni previste per questo tipo di contabilità, in presenza dei requisiti previsti dalla legge, occorre dichiararlo insieme alla prima dichiarazione annuale IVA. E' molto importante ricordarsene, perché in mancanza di una simile dichiarazione, si presume e si applica per legge il più gravoso regime di contabilità ordinaria.

Le imprese da considerarsi minori sono:

  • le società in nome collettivo;
  • le società in accomandita semplice;
  • le società di armamento;
  • le società di fatto;
  • le imprese commerciali individuali.

Esse godono di un regime di contabilità semplificata se i loro ricavi, annualmente, non superano determinati volumi d'affari.
A tal proposito il D.L. n.70 del 13/5/2011, convertito in L.n.106 del 12/07/2011 ha introdotto sostanziali modifiche in ordine al volume d'affari necessario per accedere al regime di contabilità semplificata.
Il nuovo e più alto limite previsto è ora di 400.000 euro se si tratta di imprese aventi per oggetto la prestazione di servizi e 700.000 euro per le imprese aventi per oggetto tutte le altre attività diverse dalle precedenti. Se non si superano questi limiti, nel corso dell'anno solare precedente alla dichiarazione, si può rientrare in un regime di contabilità semplificata.

Volume d'Affari

Volume d'Affari

Per calcolare esattamente il proprio volume d'affari, si fa riferimento al reddito relativo all'attività principale esercitata. Quindi, nel caso di un'impresa che esercita un'attività di prestazione di servizi insieme ad altre attività diverse, si calcolano i ricavi della sola attività prevalente, ossia quella che ha fruttato i più elevati ricavi nell'anno solare precedente. Ma a tal proposito un altro adempimento è fondamentale per gli imprenditori che vogliano rientrare nel regime di contabilità agevolata: la registrazione separata dei ricavi provenienti dalle singole attività, in modo che siano riconoscibili quelli da attribuire all'attività prevalente. In mancanza di ciò, se la registrazione dei ricavi provenienti da tutte le attività esercitate è unica, l'impresa deve considerarsi, per il fisco, dedita alla sola ed unica attività di prestazione di servizi ed il volume d'affari da considerare sarà maggiore, poiché sarà quello risultante dalla somma dei proventi di tutte le attività esercitate. A tale conclusione deve giungersi secondo quanto specificato dalla risoluzione n.293/E dell'Agenzia delle Entrate.

Compilazione e Formato

Compilazione e formato Bilanci Ordinari e Semplificati

Per una utile guida ai Bilanci la Unioncamere ha predisposto un vademecum con le indicazioni più aggiornate. E' prevista dalla legge anche una forma abbreviata di compilazione del bilancio per le società di capitali. L' art. 2435 bis c.c. lo prevede infatti per le società non abbiano emesso titoli negoziati in mercati regolamentati e non abbiano superato i 4.400.000, 00 euro nello stato patrimoniale e gli 8.800.000,00 euro nei ricavi delle vendite e delle prestazioni e non superino le 50 unità di dipendenti.

Altro importante adempimento in tema di società di capitali riguarda le novità introdotte dal D.P.C.M. del 10 dicembre 2008 che impone di redigere i bilanci con il formato elettronico XBRL International. Tale regola però vale solo per la parte contabile (stato patrimoniale e conto economico) del bilancio, mentre la nota integrativa e gli altri documenti di bilancio non sono ancora leggibili nel nuovo formato elettronico e dovranno essere prodotti nel classico formato PDF/A. Utile a tal proposito verificare direttamente sul sito ministeriale http://www.digitpa.gov.it/.

il sito http://www.registroimprese.it ha reso una serie di applicazioni fruibili gratuitamente:

  • Redazione istanza XBRL
  • Visualizzazione e validazione dell'istanza XBRL
  • resoconto sulla gestione degli amministratori (in formato PDF/A)
  • resoconto dei sindaci o revisori contabili (in PDF/A)

Per i dettagli si rinvia al “Manuale operativo per il deposito bilanci al registro delle imprese - Campagna bilanci, guida” sul sito della Camera di Commercio http://www.no.camcom.gov.it/.

Cerchi un professionista per la contabilità delle tua azienda?


Invia la tua richiesta di preventivo ora. Ricevi proposte da professionisti selezionati, gratuitamente e senza impegno. Preventivo

Cosa sapere su Bilanci ordinari e bilanci semplificati

Redazione_Bilancio

Quanto alla redazione dei bilanci, il codice civile, all'art. 2214 prevede, a livello generale, che tutti gli imprenditori commerciali debbano tenere un libro giornale ed un libro degli inventari che si chiude con il bilancio, secondo quanto specificato dal successivo art. 2217. Anche nella redazione dei bilanci vi è una fondamentale distinzione da operare in base ai soggetti. Le imprese individuali e le società di persone infatti godono delle semplificazioni previste dall'art. 2217 del codice civile che non richiede obblighi di forma né di pubblicità. Il loro bilancio pertanto sarà composto solo di uno Stato patrimoniale e di un Conto economico da compilare nella più ampia libertà di forma. Per le società di capitali invece si applicano l'art. 2423 e ss. del codice civile.

Il bilancio d'esercizio di una società di capitali quindi sarà costituito da:

  • Stato patrimoniale
  • Conto economico
  • Nota integrativa

Ognuno di questi documenti dovrà seguire un rigido schema descritto dalla legge, possedere determinati requisiti a pena di nullità e dovrà essere accompagnato da:

  • apposito e dettagliato resoconto sull'andamento della società
  • resoconto dei sindaci o dei revisori dei conti sull'operato globale dei singoli amministratori e sull'adeguatezza del bilancio rispetto alle leggi.
Approvazione_Bilancio Il bilancio dovrà essere approvato dall'assemblea dei soci e l'ultima tappa del lungo iter formativo di questo documento contabile sarà rappresentata dalla sua pubblicità.
Entro 30 giorni dalla approvazione del bilancio da parte dei soci, infatti, è obbligatorio il suo deposito presso il Registro delle Imprese, in modo che tutti gli interessati possano prenderne visione, senza limiti, direttamente presso ogni Camera di Commercio.
Deposito

Per depositare il bilancio, la società deve presentare un'apposita domanda sul modulo "B" predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico, per la cui compilazione, le istruzioni sono contenute nella circolare del 18 gennaio 2012 n. 3649/c. Ad esso vanno allegati :

  • copia del bilancio (in formato XBRL)
  • copia del documento di approvazione del bilancio da parte dei soci (in PDF/A)
  • resoconto sulla gestione degli amministratori (in formato PDF/A)
  • resoconto dei sindaci o revisori contabili (in PDF/A)

Il modulo B si può trasmettere anche telematicamente, ma esclusivamente avvalendosi di Telemaco, il sistema di collegamento telematico alle Camere di Commercio, creato da Infocamere dall'indirizzo https://webtelemaco.infocamere.it/.

Contabilità per tipologie di impresa/società
(tabella comparativa)

Alle imprese minori che usufruiscono della contabilità semplificata, sono equiparati anche tutti quegli imprenditori che intraprendono l'esercizio di un'impresa commerciale (tranne le società di capitali) per il primo anno della loro attività, poiché si presume che i ricavi del primo anno non superino i limiti previsti. Ed anche nel caso in cui si verificasse il superamento di tale limite, il beneficio verrebbe ugualmente conservato per il primo anno di attività, mentre il passaggio alla contabilità ordinaria avverrebbe solo per il periodo di imposta successivo.

Tanta attenzione nei confronti della contabilità semplificata delle imprese minori da parte del legislatore si spiega con l'enorme importanza a livello economico e produttivo che hanno in Italia ed in tutta Europa le piccole e medie imprese, vero motore dell'economia, che raggiungono, da sole, il 99,9% delle imprese totali. È di fondamentale importanza quindi non gravarle di inutili adempimenti burocratici e favorirne la crescita e lo sviluppo.

Le imprese con un regime di contabilità ordinaria, invece, sono quelle più grosse e di pubblico dominio ed anche a livello fiscale sono quelle più gravate. Irpef, addizionali, Irap e IVA. Mentre a livello contabile sono obbligate a tenere sempre aggiornati determinati registri, senza alcuna semplificazione e con una serie di requisiti obbligatori.

Tali registri sono:

  • i libri sociali,
  • il libro giornale,
  • il libro degli inventari,
  • il libro mastro,
  • il registro dei beni ammortizzabili (che però può essere accorpato con il libro degli inventari dove si annotano i dati sui cespiti),
  • il registro IVA (che può essere accorpato con il libro giornale su cui andranno registrate tutte le fatture di acquisto e di vendita),
  • il libro dei soci e delle assemblee,
  • i registri previsti per i dipendenti.

Nella contabilità semplificata sono da tenere ed aggiornare solo i registri delle fatture di vendita e di acquisto, dei corrispettivi e dei beni ammortizzabili. A livello fiscale si versa l'Irpef, le addizionali, l'Irap e l'Iva.

Ecco una tabella riepilogativa del regime di accesso alla contabilità semplificata:

Contabilità Soggetti ammessi Registri obbligatori Imposte
Semplificata Società di capitali e imprese e società con ricavi superiori a:
  • 400.000 euro se l'impresa ha ad oggetto la prestazione di servizi
  • 700.000 euro se l'impresa ha ad oggetto altre attività
Libro giornale, libro inventari, libri sociali, libro mastro, registro IVA, registro dei beni ammortizzabili, libro dei soci e delle assemblee, libri dei dipendenti. Irpef, addizionali, Irap e IVA.
Ordinaria Società di persone e imprese individuali con profitti inferiori a:
  • 400.000 euro se l'impresa ha ad oggetto la prestazione di servizi,
  • 700.000 euro se l'impresa ha ad oggetto altre attività.
Registri IVA, registri dei beni ammortizzabili Irpef, Irap e IVA.

Preventivi richiesti da altri utenti

Cantoni Giovanni

Buongiorno,
sono un agente assicurativo con partita I.V.A. individuale e iscrizione al registro
emetto circa 15/20 fatture all'anno e altrettante di acquisti.
mi trasferisco da gennaio da Roma a Milano ed avrei bisogno di un preventivo
Sono in contabilità semplificata e necessito di un commercialista che tenga la mia contabilità, F24 e stesura del modello unico.
Attendo vostri preventivi.
Cordialmente

Bruno Rissone

Si richiede un'offerta URGENTE per la gestione contabile di un'azienda con 6 dipendenti, IVA Mensile e circa 500 fatture emesse e 500 fatture ricevute annue.

L'offerta dovrà comprendere:
Contabilità
Elaborazione e tenuta contabile secondo la normativa civilistica e fiscale (scritture contabili e libri sociali e contabili);
Predisposizione ed invio dichiarativi (Mod. Unico SC, IVA, IRAP, 770, Spesometro, studi settore/parametri, Comunicazione beni ai soci, Intrastat, Black List, ecc.);
Predisposizione e deposito bilancio;
Predisposizione F24;
Rapporti ed adempimenti di routine presso gli uffici della pubblica amministrazione;
Calcolo IMU, predisposizione F24 telematico.
Gestione buste Paga con cedolini, 770, CUD

La società è attiva da diversi anni.

Ringrazio per la disponibilità.

Saluti

Claudio Zanellato

Piccola società immobiliare composta da 3 familiari. Unità in affitto n°3 reddito € 15.000 anno. Chiedo preventivo per la tenuta della contabilità e obblighi fiscali.
Un socio che attualmente è in " Regime dei Minimi" esaminerebbe nuove proposte per la propria contabilità

serena pratola

Sono in cerca di un professionista che si occupi dell'apertura p.iva (e conseguente gestione della contabilità) per l'attività di architetto, valutando la possibilità e convenienza di aderire al vecchio regime dei minimi (non mi è chiaro se posso rientrarvi avendo compiuto 35 anni) o al nuovo regime forfettario, considerando che attualmente potrei rientrare in un volume d'affari non superiore a 15000€.

grazie

lina marcantoni

Buongiorno ho aperto da 4 mesi una ditta individuale.
Un negozio nel quale ci lavoro solo io senza dipendenti.
Vorrei un preventivo di spesa che comprenda tutto, ( iva ritenuta d'acconto ecc).
Il preventivo dovrà riferirsi per la gestione completa di un negozio di abbigliamento.
In attesa di un Vostro gradito riscontro porgo Distinti saluti.

Monica Filiputti

Cerco un commercialista per contabilità agente di commercio.

Chiara Moretti

Buonasera,
mio marito ha un'attività di tassista e vorrei sapere quanto costerebbe al mese portarla presso il Vs. studio, tenendo presente che in questo costo deve essere incluso tutto quello che serve per questa attivita ossia domanda recupero credito d'imposta (Benzina), Unico, studi di settore, registrazioni contabili e tutto quanto altro necessario che a me non viene in mente.
Attendo un Vs. gentile riscontro.
Grazie e saluti.
<em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em>

Elisabetta Turrini

Vorrei un preventivo da parte vostra

Giuseppe Senaldi

siano una onlus regolarmente riconosciuta con personalità giuridica, ,'attività si è notevolmente ridotta causa la crisi attuale, ci serve un commercialista x bilancio e tenere contabilità. siamo in totale 5 volontari
grazie
<em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em>

Rosa Cristofalo

Cerco, a buon prezzo, un preventivo per Contabilità Semplificata, per ditta individuale.
Volume annuo, minore 10000euro