Fai la tua richiesta e ricevi subito proposte dai nostri professionisti
Contenzioso Tributario

Cliccando su "Invia Richiesta" accetti le norme sulla privacy.

Contenzioso Tributario

Se stai cercando un consulente che possa supportarti in un contenzioso tributario, compila ora la tua richiesta.

Angelo Martello

Buongiorno, il preventivo per la contabilità così dettagliatamente descritta è di euro <omissis>annue. Il costo è da imputarsi in larga parte agli adempimenti legati alle dichiarazioni fiscali (spesometro, studi settore, unico, iva irap) che...

Angelo Martello Dichiarazione dei Redditi a torino
Davide Andreazza

Buonasera, in merito alla sua gentile richiesta, le potrei proporre un preventivo a forfait, tutto compreso, senza ulteriori oneri, di euro <omissis>(oltre a Cassa di Previdenza ed IVA di legge). I rapporti, dopo un primo incontro conoscitivo...

Davide Andreazza Contabilità a Treviso
Dott. Giancesare Brivio - Studio Magni

Egr. Sig. <omissis>, il costo vero e proprio della procedura dovrebbe essere contenuto. Per quanto riguarda il costo per la gestione della stessa, dipende fortemente da evenutali complicazioni e contraddittori con l'Agenzia delle Entrate. Tenga conto che...

Dott. Giancesare Brivio - Studio Magni Consulenza Fiscale a Roma
Francesca Costantino

Gentile Sig.ra Bea, il nostro migliore preventivo per la dichiarazione dei redditi in regime dei minimi è di <omissis>Euro. Se per lei va bene possiamo incontrarci presso il nostro studio per la reciproca conoscenza e per la consegna della documentazione necessaria per...

Francesca Costantino Dichiarazione dei Redditi a Roma

Richiedi un preventivo

È semplice: compila il modulo qui a fianco, avendo cura di descrivere dettagliatamente la tua richiesta.

Ricevi proposte

Un pool di professionisti selezionati riceverà la tua richiesta e ti fornirà la sua migliore proposta.

Valuta e scegli

Quando avrai ricevuto le proposte potrai scegliere il professionista da ingaggiare in base alle tue esigenze.


Accertamenti, controversie, sanzioni e gestione dei rapporti con Equitalia

Accertamenti Fiscali

Gli Accertamenti Fiscali

Gli accertamenti fiscali sono quelle procedure che permettono di individuare gli obblighi tributari dei contribuenti. Punto di partenza di questa procedura è l’identificazione della base imponibile su cui viene calcolato il debito di imposta di un soggetto passivo. E fa capo al potere di vigilanza e di ispezione che hanno le autorità finanziarie verificare l'effettivo rispetto delle norme tributarie da parte dei contribuenti. In Italia gli accertamenti fiscali sono effettuati dall'Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza.  L’Agenzia delle entrate tuttavia è l’organo centrale nel coordinamento del servizio anche con gli altri enti. In più, dal 1° dicembre 2012, l'Agenzia del territorio è confluita nell'Agenzia delle Entrate, con  tutte le funzioni e le risorse umane  e finanziarie (art. 23 quater del decreto legge n. 95/2012.)

Tipologie Accertamento Tributario

Tipologie di Accertamento Tributario

Due sono i modi in cuil’accertamento tributario può avvenire:

  • Mediante Dichiarazione del contribuente che comunica al fisco le proprie entrate e la propria situazione patrimoniale e nello stesso tempo calcola il tributo da pagare secondo le vigenti normative.  Ovviamente le autorità fiscali effettueranno dei controlli sulle dichiarazioni dei contribuenti per verificare sia l’esattezza dei calcoli del tributo e del patrimonio sia l’effettivo versamento del tributo.
  • Mediante Accertamento di ufficio con cui le autorità fiscali comunicano al contribuente l’importo del tributo sulla base delle informazioni reperite d’ufficio.

Generalmente le verifiche sono effettuate  per controllo a campione dall'Agenzia delle Entrate o per  mancata coincidenza dei parametri del redditometro e degli studi di settore. Ma a tal proposito c’è da sottolineare come a partire dal 2011 i poteri di indagine dell’amministrazione finanziaria siano stati rafforzati,  in particolare con la possibilità di reperire informazioni perfino dagli enti assicurativi dei contribuenti (articolo 23 del D.L. 98 del 2011). Qualora l’amministrazione finanziaria, a seguito dei suoi controlli, rilevi  dei vizi sulle dichiarazioni o accerti  una capacità contributiva superiore a quella dichiarata, può emettere essa stessa, e senza ricorrere all’autorità giudiziaria, degli atti amministrativi di accertamento tributario e di irrogazione della sanzione. In tutti questi casi più o meno lievi di illeciti amministrativi,  tramite Equitalia, l’agente incaricato della riscossione, viene emessa cartella esattoriale per la riscossione delle imposte dovute con le sanzioni amministrative applicate. In caso di avviso di liquidazione, di accertamento o di cartella di pagamento, il contribuente, se ritiene l’atto illegittimo o infondato, può sollevare le sue opposizioni, con ricorso motivato alla Commissione Tributaria provinciale per chiedere l’annullamento, totale o parziale, degli atti dell’amministrazione finanziaria. Si instaura così un vero e proprio contenzioso amministrativo o un contenzioso tributario.

Iter controversie tributarie

Iter delle controversie tributarie

L’iter delle controversie in materia tributaria è scandito da due gradi di giudizio di merito ed uno di legittimità:

  • Primo grado: Commissione Tributaria Provinciale. Da adire per opporsi agli atti dell’Agenzia delle Entrate, degli Enti locali, delle Dogane ed anche alle cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione come Equitalia;
  • Secondo grado o appello: Commissione Tributaria Regionale. Da adire per impugnare le sentenze delle Commissioni Tributarie Provinciali;
  • Legittimità Corte di Cassazione: per impugnare le sentenze della Commissione Tributaria Regionale sotto un profilo esclusivamente formale e di legittimità.

Le Commissioni Tributarie, ai sensi dell'art. 2, c.1-2, d.l. n. 546/1992 hanno giurisdizione su:

  • le liti su tributi di ogni categoria o provenienza, sulle sovrimposte e le addizionali, comprese  le sanzioni amministrative ad esse relative, gli interessi e ogni altro diritto accessorio;
  • le liti di natura catastale, come quelle relative al classamento,  l'intestazione dei terreni e la rendita catastale;
  • le liti aventi ad oggetto l’imposta comunale sulla pubblicità e sulle affissioni pubbliche e il canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche ecc."

Esiste a tal proposito una procedura telematica attraverso la quale il contribuente, se abilitato al servizio Entratel, offerto da Fisconline, può accedere ad una banca dati in cui è inserito anche ogni dato relativo al suo ricorso, in modo da poter conoscere data delle udienze, composizione del collegio giudicante e tutto quello che lo riguarda.

Oggetto del Contenzioso Tributario

Oggetto del Contenzioso Tributario

Il contenzioso tributario può avere ad oggetto esclusivamente uno degli atti elencati dall'art. 19 del decreto legislativo n. 546/1992:

  1. l'avviso di accertamento del tributo che con il d.l. n.70/2011 diviene titolo esecutivo al pari della cartella esattoriale e ad essa equivalente, potendo dare luogo a riscossione coattiva .
  2. l'avviso di liquidazione del tributo;
  3. il provvedimento che irroga le sanzioni;
  4. il ruolo e la cartella di pagamento;
  5. l'intimazione ad adempiere;
  6. l'iscrizione di ipoteca sugli immobili;
  7. il fermo di beni mobili registrati;
  8. gli atti relativi alle operazioni;
  9. il rifiuto espresso o tacito della restituzione di tributi, sanzioni pecuniarie ed interessi o altri accessori non dovuti;
  10. il diniego o la revoca di agevolazioni o il rigetto di domande di definizione agevolata di rapporti tributari;
  11. ogni altro atto per il quale la legge ne preveda l'autonoma impugnabilità davanti alle commissioni tributarie".

Alla giurisdizione del giudice ordinario invece appartengono l’ esecuzione forzata, la pignorabilità dei beni, l’opposizione di terzo e i ricorsi contro l'agente di riscossione, anche se vertano su uno degli atti presenti in elenco.

Cerchi un consulente che ti supporti in un Contenzioso Tributario?
Invia la tua richiesta di preventivo ora.

Ricevi proposte da professionisti selezionati, gratuitamente e senza impegno. Preventivo

Il processo tributario, il reclamo e il ricorso: procedura operativa

Reclamo

Il processo tributario ha avvio, di norma, con il ricorso alla Commissione tributaria provinciale territorialmente competente. Tuttavia, al fine di agevolare la rapida definizione delle controversie tributarie, il legislatore ha introdotto uno strumento stragiudiziale snello e spesso efficace, il reclamo, (art. 39 D. L. 98/2011) da esperire obbligatoriamente prima del ricorso, per le sole cause di valore inferiore a ventimila euro. In caso di insuccesso della composizione della controversia con il reclamo, si potrà procedere con il contenzioso tributario, notificando il ricorso entro 60 giorni dalla ricezione dell’atto impugnato, (90 per gli avvisi di accertamento) all’ufficio che l’ha emanato. Si applica, però, nel computo del termine, la sospensione feriale dal 1º agosto al 15 settembre. Questo periodo di tempo, pertanto, non va mai calcolato nel termine di 60 giorni.

La notifica poi può avvenire:

  • mediante consegna brevi manu;
  • per posta, con raccomandata con avviso di ricevimento;
  • con ufficiale giudiziario.

Costituzione in Giudizio

Il passo successivo per il contribuente è quello della costituzione in giudizio. Entro 30 giorni dalla  notifica del ricorso, deve depositare in Commissione Tributaria, copia del ricorso notificato con la nota di iscrizione a ruolo allegata (in sostituzione dell’imposta di bollo, ex D.l.138/2011art. 2, comma 35-quater, lett. c).

L'ente finanziario si costituisce in giudizio entro 60 giorni dalla ricevuta notifica del ricorso, depositando un atto di controdeduzione presso la segreteria della commissione. In mancanza di tempestiva costituzione, tuttavia l’ente finanziario non incorre in decadenze importanti, se non in quella relativa alla produzione documentale. L'ente infatti può costituirsi anche il giorno stesso dell’udienza, poiché l'atto impugnato contiene in sé, già in nuce, tutti gli atti e i fatti giustificativi della pretesa tributaria. L’ente, pertanto, non ha bisogno di provare la sua pretesa, poiché qualunque  provvedimento amministrativo, per esistere come tale, deve essere sempre per legge motivato.

Il ricorso non sospende però l’efficacia del provvedimento che si intende impugnare. Ciò significa che le somme richieste con l’atto impugnato vanno versate comunque. Solo se il ricorso sarà accolto, il contribuente sarà rimborsato di quanto versato in eccedenza, con i relativi interessi. Più nello specifico, il contribuente ricorrente è tenuto a versare almeno il 30% dell'importo oggetto di contestazione per poter fare ricorso. A pena di inammissibilità. Molte sono state le opposizioni sollevate nei confronti di quest’obbligo, che penalizza gravemente il diritto di difesa, poiché è incompatibile con la presunzione d'innocenza.

Certo nulla vieta al contribuente di proporre un’apposita istanza, in calce al ricorso, per chiedere alla Commissione la sospensione provvisoria dell’atto impugnato, ma per avere speranze di accoglimento, la domanda deve essere ben motivata e provata :  dall’anticipo della sanzione deve derivare un danno grave al contribuente ed il suo ricorso deve essere almeno apparentemente  fondato. Nel caso del solo avviso di accertamento, la sospensione, se richiesta, è automatica e dura fino alla decisione del giudice tributario, che ha 6 mesi per pronunciarsi. Ma nel silenzio si intende respinta.

Obbligo assistenza difensore abilitato

Se le controversie hanno un valore superiore a 2.582,28 euro è obbligatoria l’assistenza di un difensore abilitato, ma anche in altri casi di particolare complessità tecnica del procedimento, la Commissione può ordinare al contribuente di munirsi di un assistente tecnico, benché non sia obbligatorio. Tutte le controversie sono di regola discusse in “Camera di consiglio” senza le parti. A meno che non sia fatta espressa richiesta di trattazione in udienza pubblica alla Commissione stessa. La sentenza che definirà il contenzioso tributario, sarà comunicata alle parti a cura della segreteria della Commissione, ma se le parti hanno interesse a notificare esse stesse la sentenza, possono provvedervi autonomamente.

Giudizio di ottemperanza

Al deposito ed alla notifica della sentenza, può seguire un‘ulteriore fase, il giudizio di ottemperanza, con cui il contribuente che ha vinto il ricorso, dopo aver messo in mora l’amministrazione finanziaria per ottenere l’esecuzione della sentenza, entro 30 giorni, presenta un ulteriore ricorso al Presidente della Commissione che ha emesso la sentenza per chiedere giudizialmente la sua esecuzione. Entro 60 giorni dalla notificazione della sentenza (o 6 mesi dal deposito se non c’è stata notificazione), la parte che ha interesse, può proporre appello alla Commissione Regionale. Il giudizio di appello è essenzialmente un nuovo esame degli stessi elementi proposti in primo grado.

Il procedimento di notifica e deposito da questo momento in poi segue le stesse regole del giudizio di primo grado. Ma in appello vige il divieto di proporre nuove domande e la conseguente rinuncia alle domande non riproposte. Il termine coincide con quello previsto per la costituzione in giudizio, cioè entro trenta giorni dalla data di notifica dell’atto di appello.

Spese di giudizio e onorari nel contenzioso tributario

Nel contenzioso tributario si applica il principio della soccombenza, per cui le spese di giudizio e tutti gli onorari dei difensori, la cui assistenza tecnica è obbligatoria, sono a carico della parte  sconfitta. La Commissione Tributaria però può diversamente disporre, ove le circostanze lo consiglino. Per esempio può stabilire la compensazione delle spese in caso di soccombenza parziale, nel caso in cui ricorrano giusti motivi o per equità. Tuttavia, la compensazione deve essere adeguatamente motivata ed il solo provvedimento che la dispone, può, a sua volta, essere impugnato. In più i contribuenti, per le nuove disposizioni in vigore dal 7 luglio 2011 (d.l. n. 98) dovranno pagare il contributo unificato. Sono obbligati a sottoscrivere, in calce al ricorso, qual è il valore della loro lite. Ciò proprio ai fini dell'individuazione della classe di contributo unificato in cui rientrare. Il ricorso così non è più assoggettato alla precedente regola della marca da bollo di 14,62 euro, ogni 4 pagine, ma sarà soggetta al contributo unificato.

Tabella Contributo Unificato

Valore della lite Importo del contributo
Fino a euro 2.582,28 Euro 30
Da euro 2.582,29 a euro 5.000 Euro 60
Da euro 5.001 a euro 25.000 Euro 120
Da euro 25.001 a euro 75.000 Euro 250
Da euro 75.001 a euro 200.000 Euro 500
Da euro 200.001 in poi Euro 1.500

Preventivi richiesti da altri utenti

Salve, sono <em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em>, avrei bisogno di un professionista che mi aiuti a chiudere una società sas, tale società è inoperativa dal 2006 ma da qualche tempo ricevo cartelle di equitalia. Il commercialista che aveva l'incarico sia della contabilità che della messa in liquidazione pare non abbia più nulla.
La situazione è un po' complessa.
Grazie

Buongiorno, sto cercando uno studio serio e competente per effettuare degli accertamenti fiscali per l'attività di mio padre (officina moto). Negli anni la non professionalità di altre persone che si spacciavano per commercialisti ci ha creato problemi ritrovandoci negli anni a pagare cartelle esattoriali salate e ad oggi che sembrava tutto si fosse sanato escono fuori ancora pagamenti vecchi (non riusciamo piu' a capire se sono stati già pagati o no). Ora vi chiedo un ipotesi di preventivo e se è possibile avere un quadro chiaro e completo della situazione fiscale dell'attività di mio padre e successivamente avviare tramite mandato la vostra consulenza per seguire l'attività.

Buongiorno,

dovrei fare la dichiarazione dei redditi, sono lavoratrice dipendente e proprietaria di un appartamento (prima casa, il cui mutuo ho estinto un paio di anni fa), che attualmente è affittato con regolare contratto registrato, poichè per lavoro mi ero trasferita in Veneto. Io però da circa una decina d'anni non ho presentato 730. Ora sono rientrata in Piemonte, in provincia di Torino, il mio appartamento continua ad essere affittato e io abito in altro appartamento in locazione, vorrei regolarizzare la mia posizione ma non so da che parte iniziare.
Grazie

commercialista generale per ditta individuale

avrei bisogno di sapere se fate ricorsi per borse di studio universitarie

buon giorno mi chiamo <em class="omissis">&lt;omissis&gt;</em> vivo dal 1992 in san Francisco quando sono partitoavevo laschiato l'incarico ad un avvocato di chiudere le mie pozizioni ma sembra che non abbia fatto niente. mi sono arrivate delle cartelle di pagamento da equitalia da parte dell'i.n.p.s. avrei bisogno di qualche duno che vadi all'i.n.p.s.per vedere quale situazione mi trovo dopo 22 anni fuori dall'italia l'avvocato che avevo pagoto molto bene non c'e' piu'..

Quanto costa fare ricorso in commissione tributaria a novara per e cartelle mai arrivate con vizi di forma o (più di 5 anni o 10 anni ) di vari enti per circa 8000 euro .

grazie

Vorrei sapere quanto può costare il supporto in una procedura di voluntary disclosure estremamente semplice (azioni estere - RSU- dell'azienda americana per cui si lavora regolarmente assoggettate a Irpef e contributi; solo violazione RW e "piccolissimi" dividendi)

Dovrei fare un ricorso per una cartella esattoria le di 14.000,00 trattasi di tassazione riguardante affitti . Avviso e Raccomandata ma i avuta è arrivata la cartella della Gerit inaspettatamente.

Vorrei verificare il pagamenti effettuati dal 2009 al 2011 per la casa di proprietà, confrontando con i dati catastali, perchè dal comune di Felonica ci hanno inviato delle sanzioni che non mi convincono